Liquido biologico per macchina lavapezzi. Come si utilizza?

By | 10 gennaio 2021

Stai utilizzando una macchina lava-pezzi come questa? Vedi quei simboli sul bidone? Sono pittogrammi di rischio chimico, tra i quali “incendiabile”.

 

Devi sapere, che queste macchine sfruttano dei solventi, concepiti 50 anni fa, con un pessimo profilo tossicologico, che possono rovinare in modo serio e irreversibile la tua salute.

Diluenti, tipo NITRO, sono composti che sebbene fungano anche da solvente di pulizia (pezzi meccanici o attrezzature), nascono per diluire le vernici, le resine epossidiche od altre molecole, e non sono adatti a questo tipo di utilizzo, in quanto appunto dettato sicuramente di più da una cattiva abitudine consolidata che da una specifica indicazione.

 

Perché? Perché sono rapidi, efficaci, evaporano automaticamente senza necessità di asciugare i pezzi e non causano ruggine.

EFFETTI ACUTI:

AZIONE IRRITANTE DELLE MUCOSE OCULARI E RESPIRATORIE
BRONCHITI IRRITATIVE
EFFETTI EUFORIZZANTI SUL SNC, SEGUITI DA AZIONE NARCOTIZZANTE
EPATOTOSSICITA’

EFFETTI CRONICI:

EPATOTOSSICITA’
TUMORI POLMONARI
MESOTELIOMA PLEURICO
NEOPLASIE VESCICALI
LEUCEMIE
ANGIOSARCOMA EPATICO

Tra le altre cose è anche noto che tali sostanze, vengano utilizzate impropriamente, come stupefacente in quanto agiscono sul sistema nervoso.

L’inalazione cronica di idrocarburi volatili può irritare la pelle attorno alla bocca e al naso (eczema di Huffer).

Le complicanze dell’uso cronico possono essere secondarie agli effetti dei solventi o di altri componenti tossici (p. es., il piombo nella benzina). Il tetracloruro di carbonio può causare una sindrome di insufficienza epatica e renale. Il toluene può causare degenerazione della sostanza bianca del sistema nervoso centrale, acidosi renale tubulare e ipokaliemia. In seguito a intensa esposizione o a ipersensibilità possono verificarsi danni a livello cerebrale, nervoso periferico, epatico, renale e del midollo osseo.

A questo punto, forse ti starai chiedendo, se ne vale veramente la pena. Esistono ancora aziende che forniscono un servizio “chiavi in mano” , dove periodicamente vengono a ritirare il solvente “esausto”. Le stesse aziende non hanno interesse a proporti delle alternative, perché lo smaltimento del solvente esausto per loro è un business !

Esiste una tecnologia microbiologica per lavare e pulire i componenti efficace e sicura.

Questa tecnologia non comporta i costi e le procedure di sicurezza che caratterizzano le tecnologie basate su solventi chimici e detergenti. La lavapezzi biologica differisce dalle lavapezzi tradizionali perchè sfrutta un prodotto atossico con PH neutro, non infiammabile che non ha costi nè di stoccaggio, nè di trasporto, nè di smaltimento.

Questi modelli sono ottimi per rimuovere efficacemnete olio e grasso da attrezzi, parti di motore e altri componenti fino a un peso max. di 100 kg. Il corpo macchina è costituito di plastica resistente agli urti/ o acciaio (per i più esigenti). Questo modello è facile da usare, sicuro e versatile ed è adatto a lavare pezzi e componenti meccanici.

“Perchè il liquido enzimatico/biologico non si può inserire in una comune macchina lavapezzi ? ”

Questa è una domanda che mi pongono molte volte. Il motivo è l’assenza di temperatura ed ossigenatore. La temperatura infatti deve essere mantenuta massimo a 37-40° in modo tale da essere abbastanza calda da mantenere in vita la colonia batterica, ma non così alta da uccidere gli enzimi. Abbiamo fatto realizzare diverse macchine in acciaio inox, anche per i modelli di piccole dimensioni.

Questo garantisce una robustezza che la rende praticamente “eterna”:

 

 

Per informazioni non esitare a contattarmi. Questa tecnologia è veramente eccezionale.

 

saracenozep@libero.it

tel. 335347823

 

Hai trovato interessante l'articolo? Condividi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *