Quale silicone spray utilizzare? In commercio ne esistono tanti… ma sono tutti uguali?

By | 5 gennaio 2019

Se stai leggendo questo articolo è perchè evidentemente ti senti disorientato dal grande numero di prodotti siliconici in commercio.

Non mi sorprende e ti capisco.

Prima di tutto devi sapere che i prodotti a base siliconica possono essere molto diversi gli uni dagli altri.

Non esiste un prodotto universale. Occorre individuare il prodotto migliore per la specifica applicazione.

Solitamente può venir utilizzato per lubrificare e proteggere le guarnizioni in gomma, le parti in plastica delle autovetture, lubrificare boccole, cavi e ingranaggi in plastica.

• dona lucentezza alle superfici plastiche
• protegge le parti in gomma evitando screpolature e incollaggi (azione distaccante)
• elimina rumori d’attrito tra parti in metallo e plastica
• idrorepellente, antiossidante ed antistatico

GUARNIZIONI E COMPONENTI PLASTICI:

Può essere usato come antiaderente per stampaggi di plastica e gomma. Valido inoltre in altre applicazioni in cui è richiesta un’azione distaccante, lubrificante e protettiva di tipo asciutta. Ricco di principi attivi è il prodotto ideale per lubrificare ingranaggi, nastri trasportatori, micromeccaniche e macchinari in genere eliminando gli attriti.

Le guarnizioni in particolare non si seccheranno rischiando di rompersi. La plastica e la gomma tende ad opacizzare perdendo lucentezza ed elasticità. Il silicone evita questo problema.

In questo caso ti consiglio un prodotto “unto”, con una buona residualità ed idrorepellenza. Attenzione però perchè il silicone impedisce alle vernici di aderire e sarà molto facile contaminare con del silicone altre superfici. In questo caso ti consiglio distaccanti/lubrificanti alternativi non siliconici. Esistono dei surrogati molto validi.

 

 

STAMPAGGIO MATERIE PLASTICHE

La gomma e la plastica fusa quando viene colata all’interno dello stampo tenderà ad attaccarsi allo stesso ed è molto importante in questo caso scegliere un silicone di qualità superiore. Non solo dovrà resistere all’alta temperatura ma dovrà mantenere invariate le sue qualità lubrificanti con temperature fino a +200°C.

Se lavori con fiamme libere o temperature molto alte esiste anche un rischio di incendio. Il propellente di alcuni tipi di siliconi è infiammabile quindi, meglio non rischiare in tal senso e orientarsi su prodotti non incendiabili (esistono!).

ATTENZIONE AL COSTO IN USO: Per ottimizzare il costo in uso il prodotto più economico non sempre è la scelta migliore. Infatti la qualità superiore di un prodotto permetterà di effettuare numerose stampate, senza la necessità di nuove applicazioni. Quindi prediligere sempre un prodotto specifico, ad alta residualità, scartando a priori un prodotto da banco/generico. Ridurrai gli sprechi e risparmierai.

Se desideri ridurre ulteriormente il costo dei distaccanti, esistono dei siliconi emulsionabili. Formulati concentrati che ti permettono, diluendoli in acqua di ottenere un’emulsione distaccante da un bassissimo costo in uso.

 

 

COSMETICA ED INDUSTRIA ALIMENTARE:

Nel caso dell’industria alimentare e’ di vitale importanza utilizzare un prodotto siliconico a grado alimentare certificato H1 (contatto accidentale con gli alimenti) o ancora meglio NSF: La più grande organizzazione al mondo nel settore della verifica e certificazione dei prodotti e dei materiali destinati al contatto con alimenti e acqua potabile. Il marchio NSF, sinonimo di salute pubblica, è riconosciuto in tutto il mondo per gli elevati standard qualitativi dei prodotti da essa omologati accrescendo la fiducia dei clienti nell’acquisto del prodotto.

Stampare recipienti o produrre imballaggio in plastica che andrà a contatto con gli alimenti prevede l’utilizzo di prodotti conformi. I siliconi “commerciali” potrebbero contaminare il cibo creando problemi al consumatore, oltre a non essere a norma.

 

Evita rivenditori non specializzati, o acquistare dal primo che capita,

e contattami pure per una consulenza gratuita.

Dott. Riccardo Saraceno

tel. 335347823

saracenozep@libero.it

 

 

Hai trovato interessante l'articolo? Condividi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *