Perchè il sale è un pessimo rimedio per le strade ghiacciate? Le alternative sicure per l’asfalto e per il tuo portafoglio.

By | 10 dicembre 2018

 

Temperature in discesa e ghiaccio sulle strade, l’inverno spesso è (dovrebbe essere) così. Ma per consentire la viabilità sicura al trasporto su gomma si spargono tonnellate di sale da per tutto sulle strade.

Diciamo subito che sulle strade non viene sparso solo cloruro di sodio, ma secondo contesto e necessità anche glicole etilenico, metanolo, alcol etilico o cloruro di calcio (CaCl2), solfati e nitrati. E i metalli pesanti contenuti nei pneumatici vengono rilasciati per reazione chimica in contatto con il sale e diffusi in natura attraverso irrigazione e gocciolamento.

 

Il suo uso comporta tutta una serie di conseguenze negative, che pur brevemente si vuole evidenziare. E’ un prodotto altamente inquinante e corrosivo, un’autentica bomba che corrode ogni cosa in tempi brevi: asfalti, pavimentazioni, autoveicoli, scarpe, indumenti e quant’altro con cui viene a contatto.

Questo articolo non è rivolto a chi effettua la manutenzione stradale in quanto, per questioni complesse, che non sto quì a spiegare sono costrette ad impiegare il sale come scongelante, ma alle aziende che hanno a cuore la pavimentazione dei propri spazi aperti.

Né tantomeno intende essere un rimprovero per te che lo usi e che stai leggendo. Non è colpa tua. Da sempre il sale si è utilizzato per questo scopo e probabilmente ti hanno detto di fare così perchè sempre si è fatto così.

Forse perchè ai tempi nemmeno esistevano le alternative, ma oggi che esistono, forse è bene riflettere sui danni che può causare il sale.

 

 

L’asfalto, le rampe, i veicoli e le attrezzature della tua azienda che entreranno a contatto con il sale si deterioreranno in fretta. Le vernici di tutte le attrezzature in metallo si scrosteranno o opacizzeranno, il pavimento si creperà… formando un sacco di buche e le rampe si riempiranno di fratture.

Inutile che ti spieghi quanto costa la manutenzione delle pavimentazioni … molto ! Per rifare una rampa di cemento occorrono circa 180 €/mq. Se il sale entrerà a contatto con queste superfici diventerà molto più friabile e molto meno resistente alle sollecitazioni meccaniche.

Provoca in breve tempo buche pericolose per la circolazione e la deambulazione nei piazzali e nei marciapiedi che si presentano già in condizioni allarmanti sotto l’aspetto del pericolo ed estetico. Si apre quindi una fase di riparazione e manutenzione difficoltosa, lunga nel tempo e gravosa per la spesa, che non termina affatto con l’avvento della buona stagione perchè il sale sarà penetrato a fondo.

Occorre prevenire:

Esistono dei prodotti ad azione fondente utilizzabile in condizioni di basse temperature. La sua specifica formulazione permette
di sciogliere rapidamente ghiaccio e neve e quindi la messa in sicurezza delle superfici calpestabili.

Azione rapida: è dotato di un’azione portentosa che gli permette di sciogliere in pochi secondi strati di ghiaccio di notevole spessore. Effetto igroscopico: A contatto con il suolo e con l’aria assorbe umidità ed acqua mediante un processo
igroscopico.

Trattamento antighiaccio: Una volta applicato opera un efficace trattamento antighiaccio in cortili, scuole, marciapiedi, pavimenti, celle frigorifere. Efficace fino a -28°C.

Sicuro su metalli: Contiene un inibitore che ostacola l’ossidazione dell’acciaio e dell’alluminio, riducendo così la corrosione di componenti metallici quali binari, giunti di espansione dei ponti, parti di automezzi, circuiti elettrici, ecc.

Sicuro su cemento e vegetazione:  Su cemento stagionato o asfalto non causa screpolature o danneggiamenti; se va
accidentalmente a contatto con la vegetazione non arreca quei danni causati dai comuni prodotti usati per sciogliere il ghiaccio.

Ma quanto mi costa il prodotto ?

Non è possibile fare un calcolo esatto al centesimo del costo del trattamento in quanto molto dipende dallo spessore del deposito di ghiaccio/neve, dalla durata del trattamento, ecc. ecc. Una cosa è certa il prodotto da me proposto dura fino a 4 giorni, mentre il sale dura poche ore. Il sale resiste fino a -5° meno contro i -50° del prodotto eco. Oltretutto spargendo il sale più frequentemente avrai un consumo molto maggiore a prescindere dai gr/mq . Per questo motivo lo spreco sarà di almeno il triplo (in una previsione molto pessimistica).

 

 

Per informazioni come sempre non esitare a contattarmi per una consulenza gratuita.

Dott. Riccardo Saraceno

tel. 335347823

saracenozep@libero.it

 

 

 

Hai trovato interessante l'articolo? Condividi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *