Il pericolo nell’uso dello spray antiadesivo per saldatura. Puoi veramente fidarti del tuo attuale fornitore?

By | 2 luglio 2018

Anche oggi sono a parlarvi dei rischi derivati da un sistema di distribuzione, dei prodotti chimici, che minimizza le informazioni tecniche relativa all’utilizzo di questi ultimi. Gli ausiliari di saldatura, “antispatter”, antiadesivi o antisoffio sono spray che vengono utilizzati al fine di ridurre gli schizzi antiestetici intorno al filo di saldatura, evitare che le torce si intasino oppure che si formino delle screpolature sul materiale saldato.

Questi prodotti vengono impiegati presso tutte le carpenterie metalliche in genere o che lavorano lamiera inox e tutti i reparti di manutenzione delle aziende di una certa dimensione che dispongano di saldatrici a filo continuo.

Il livello qualitativo medio dei prodotti proposti sul mercato è veramente BASSO, perchè è considerato da chi lo vende un prodotto “povero” con poco mercato, e spesso un prodotto “collaterale” che si acquista insieme alle saldatrici, oppure ad altro materiale di utilizzo più frequente.

Per questo motivo vengono proposte delle formulazioni “povere”, la maggior parte delle bombole in commercio a basso costo, circa 3 euro, usano come propellente il diclorometano, che è non solo è altamente infiammabile ma è classificato R40 (effetti cancerogeni) e questo basta per riuscire a fare riflettere il responsabile della sicurezza e della valutazione del rischio chimico.

 

Chi vende e chi acquista, però dimentica che è un prodotto che il saldatore “respira” tutto il giorno, e questo dovrebbe essere un motivo più che sufficiente per sbarazzarsi di tutti i prodotti che contengono simbologia di rischio (pittogramma tossico o incendiabile).

 

 

Le caratteristiche del prodotto che propongo solitamente risolvono questo problema perché:

 

  • INODORE: sia nel momento in cui viene erogato, sia nel momentoin cui viene riscaldato ad alta temperatura durante la saldatura, è un fattore importante per l’operatore che sta continuamente sulla torcia per diverse ore al giorno.

  • ATOSSICO: di nuovo importante per l’operatore perché lo respira nell’ambiente, nonostante la presenza delle cappe aspiranti ( che però spesso mancano).

  • NEUTRO: non aggressivo né per l’operatore né per i materiali essendo il pH= 8,0

  • NON INFIAMMABILE: è molto importante perchè andare vicino alle torce con un prodotto infi ammabile è molto pericoloso. Quando si salda è sempre opportuno che la bombola sia lontana dall’operatore perchè il rischio di perforarla accidentalmente con l’elettrodo incandescente esiste e diventa un missile anche se non è infiammabile, figuriamoci quelle estremamente infiammabili.

  • ESENTE DA DICLOROMETANO che, avendo le sostanze classifi cate R40 un moltiplicatore =7 si ottiene un risultato finale SEMPRE superiore a 21 ossia “RISCHIO SUPERIORE AL MODERATO e ciò comporta la attivazione di tutta una serie di procedure complesse e costose previste dalla 626. Va rilevato che quasi sempre su queste bombole compare la scritta “ECOLOGICA” in quanto non dannosa per l’ozono, ma esse presentanoun rischio di gran lunga più immediato. Spesso infatti si trovano bombole che contengono materiali che sono infiammabili e contemporaneamente diclorometano, rappresentando in tal modo il MASSIMO RISCHIO.

il prodotto che propongo è molto efficace e basta usarne molto meno della metà di quanto non serva dei prodotti concorrenti, inoltre aumenta il tempo intercorrente tra un trattamento e l’altro sulla torcia.

Non ho mai riscontrato problemi di soffiature, cosa molto importante soprattutto per chi deve fare saldature radiografate
o con prove di tenuta.

Ma ora confrontiamo la scheda di sicurezza di un prodotto della concorrenza :

 

ALTERNATIVA SICURA:

 

Come sempre sempre resto a disposizione per qualsiasi informazione.

Se vuoi testare questo prodotto, l’alternativa sicura ai prodotti pericolosi, comunemente utilizzati e commercializzati non esitare a contattarmi.

 

Dott. Riccardo Saraceno

tel. 335347823

saracenozep@libero.it

 

Hai trovato interessante l'articolo? Condividi !

2 thoughts on “Il pericolo nell’uso dello spray antiadesivo per saldatura. Puoi veramente fidarti del tuo attuale fornitore?

  1. Roberto

    Salve, volevo chiederti che tipo di filtri per la maschera vanno usati per trattenere i gas rilasciati dallo spray antiaderente che contiene diclorometano.
    Siccome dove lavoro io se ne fa largo uso, e dentro l officina rimane una cappa che non va via neanche in un intera giornata, ho provato con la maschera spasciani duo con i filtri polivalenti, ma nulla, l odore si sente e forte pure, senza contare gli occhi che bruciano.
    Ho fatto presente questo problema a chi si occupa dell acquisto di questo prodotto, ma nulla..
    C’è una normativa che vieta questi prodotti?
    Grazie.
    Attendo vostre risposte.

    Reply
    1. Riccardo Saraceno Post author

      Buongiorno. Sorvolando sulla condotta abbastanza sconsiderata del vostro responsabile della sicurezza, non sarebbe meglio, eliminare la fonte del problema (acquistando il prodotto di cui parlo nell’articolo), piuttosto che cercare dei rimedi (poco efficaci)? State rischiando di chiudere se viene a fare un controllo l’asl. Nel vale la pena?

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *