Il lubrificante che utilizzi ha un cattivo odore? E’ colpa del COV (composti organici volatili).

By | 26 gennaio 2018

Il COV misura la presenza di diversi composti chimici volatili presenti nei lubrificanti come propellenti o materie prime di scarsa qualità.

Nei lubrificanti commerciali facilmente reperibili presso grossisti o rivendite sono disponibili prodotti contenenti propellenti o materie prime di scarsa qualità che producono l’innalzamento del COV , emanando cattivo odore.

Queste esalazioni sono potenzialmente pericolose, oltre che sgradevoli, considerato il fatto che si tratta di respirare idrocarburi.

Zep 45 ha il più basso contenuto di COV del mercato, il che significa che è praticamente inodore! Un valore apprezzato per tutti i manutentori che non amano lavorare a contatto con “aromi spiacevoli”.

Alcuni prodotti commerciali penetrano bene nei bulloni e sbloccano le parti grippate, ma la lubrificazione non dura, e il pezzo grippa di nuovo.

Per ovviare a questa inconveniente Zep ha inserito in Zep 45 del teflon micronizzato, il materiale con il coefficiente di attrito più basso conosciuto, con attrito dinamico TFE-Acciaio pari a 0,04, mentre l’attrito statico è pari a 0,07 / 0,14.

Oltretutto resiste alle alte  temperature  (fino a 300 °C), infatti è usato nell’industria per ricoprire superfici sottoposte ad alte temperature alle quali si richiede una “antiaderenza” e una buona inerzia chimica. Le padelle da cucina definite “antiaderenti”, sono tali perché ricoperte all’interno di uno strato di PTFE (Teflon).

VUOI TESTARE ZEP 45 DUAL FORCE NELLA TUA AZIENDA?

 > CONTATTAMI PER UN CAMPIONE GRATUITO   

Hai trovato interessante l'articolo? Condividi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *